lunedì, gennaio 09, 2006

"Trito e ritrito" ovvero "Visto e rivisto"

E' tornato il sabato sera! Dopo aver letto il bel post su Videosfera provo anch'io a dirvi le mie impressioni sul nuovo programma di Antonella Clerici : "Il treno dei desideri". Il programma inizia sulle note della canzone "Azzurro" di Paolo Conte e in casa mia, dalla studio, già qualcuno(leggere Jazzer) si lamenta perchè una canzone dell'amato Paolo Conte viene usata per un programma che lui già giudica insulso ancora prima che inizi! In effetti con il passare delle ore (chissà perchè queste "prime puntate" hanno la lunghezza di una Quaresima) mi trovo a dargli ragione, almeno in parte!
Il primo desiderio da realizzare vede coinvolta una giovane coppia, che con la scusa di un viaggio esotico, al ritorno troverà la casa dei loro sogni ristrutturata e arredata! Ne segue matrimonio in chiesa e cena con tanto di fuochi d'artificio! Alcuni dubbi sorgono però:
1) Devono partire per il viaggio in 5 ore.
Ma non hanno un datore di lavoro che li licenzia se gli dicono con un anticipo di solo 5 ore che il giorno dopo non si presenteranno?
E' così semplice mollare una bimba di due anni alla nonna, su due piedi?
2) Il matrimonio religioso.
Se tu chiedi di sposarti in chiesa, devi fare il corso per fidanzati, devi andare alle riunioni in parrocchia con i testimoni, devi preparare carte e cartine e cercare i propri certificati di battesimo nella parocchia d'origine (sperando non sia dall'altra parte d'Italia o del mondo), devi far passare un tot. di giorni dalle pubblicazioni al giorno del matrimonio ecc. ecc. I due "prescelti" invece, se all'oscuro di tutto, hanno trovato tutto pronto. Neanche una firma?
Non so! Sono un pò scettica e non è da me!

La Clerici è molto più a suo agio dietro al tavolone della "Prova del cuoco". E' vero è la prima puntata, c'è l'emozione dell'esordio e in prima fila ci sono i dirigenti Rai che ti scrutano, ma poteva fare meglio!
Tutto mi è sembrato già visto: cantare con l'artista preferito (mi ricorda tanto la De Filippi),lasciare il marito a fare le pulizie, mentre la moglie trascorre una giornata di shopping (avevo visto un programma simile su Sky), la fruttivendola che per un giorno va al mercato vestita di tutto punto ( "Il brutto anatroccolo" di Italia1 ) e le cabine con i telefonisti (Portobello). Se il titolo fosse stato "Carramba che sorpresa" la differenza non l'avrebbe notata nessuno!
Io continuo a guardare e prendere appunti alla "Prova del cuoco", per il sabato sera ci penserò!

11 Commenti:

  • At 1/09/2006 12:21 PM, Blogger Lucia said…

    ma la gente nn si stufa mai di certi format? io non lo so ma mi sento offesa sento offeso il mio quoziente intellettivo , non è possibile che l'italiano medio possa ancota tollerare di vedere certo schifo in televisione!!!
    scusami lo sfogo...

     
  • At 1/09/2006 12:45 PM, Anonymous Terry said…

    Cara Graziella concordo!
    Tutti dubbi che sono sorti anche a me!!!
    La Clerici è immancabile per me a pranzo...è lì c'è tutta la sua naturalezza e spontaneità....in quest'altro genere di programma...polpettone di prima serata non ce la vedo proprio!
    Per non parlare poi del programma/format in sè....trito e ritrito nonchè pesante e ridicolo!

    Tra l'altro il cuoco veneziano, Martino Scarpa, passa spesso qui da noi in biglietteria quando va a Roma ed è proprio simpatico...sono stata anche a mangiare da lui...bravissimo! Ed ha confermato che lì in trasmissione ci si diverte proprio che è tutto come si vede...e tutti si scafandrano tutto quello che c'è da mangiare!
    Anch'io voglio lavorare alla prova del cuoco!!! ;)))

     
  • At 1/09/2006 1:08 PM, Anonymous graziella said…

    *Terry: Vedo che siamo d'accordo anche su ciò che non è prettamente culinario! Mandami l'indirizzo del ristorante di Martino che se capita l'occasione mi piacerebbe andarci! E' troppo simpatico come tutte le persone un pò "abbondanti"!(è un modo per consolarmi!)
    *Lucia: E' proprio vero che l'italiano televisivo è considerato una specie di sottosviluppato! La Tv è sempre più un modo per non pensare a nulla, ma proprio a nulla! Per fortuna abbiamo la possibilità di dedicarci ad altre passioni, magari fare una "pinza" avrà anche un pò troppe calorie,ma da sfogo alla nostra fantasia, come un buon libro!!

     
  • At 1/09/2006 1:54 PM, Anonymous Terry said…

    Io sono andata quando aveva ancora il ristorantino sulla spiaggia a Cà di Valle (Da Jerry) ma da quest'anno ha detto che si è spostato in centro a Cavallino, in Piazza S.M.ELisabetta e mi pare si chiami "Da Achille".

    W Il Cibo e W I libri!!!!

     
  • At 1/09/2006 5:15 PM, Blogger cannella said…

    Che gioia, il "mio" TV SORRISI & CANZONI personale è tornato on-line! Mi fido ciecamente di quel che mi racconti, Graziella, ma non lamentatevi della qualità intellettuale della TV italiana senza aver visto quella spagnola: pensate che qui il sabato sera lo fa ancora il corvo Rockfeller (di sicuro voi non eravate ancora nate quando esisteva!!!).
    Un bacione affettuosissimo.

     
  • At 1/09/2006 6:02 PM, Anonymous Terry said…

    Siiiii me lo ricordo il corvo Rockfeller....con il ventriloquo!!!Come si chiamava il tizio....Jose Luis Moreno mi pare?!?!

    Ero piccolaaaa!!!...e mi faceva pietà già allora!!!;)))

     
  • At 1/09/2006 6:45 PM, Anonymous Jazzer said…

    Programma zuccheroso e scempiotto come la versione di "Azzurro" fatta da Celentano.
    Peccato per la Clerici. Peccato per chi non conosce la versione cantata del buon Paolo Conte. (già! Ma qual è la versione originale dell'avvocato?)
    Za-ra-zazza za-ra-ra...

     
  • At 1/09/2006 9:06 PM, Anonymous graziella said…

    Purtroppo me lo ricordo anch'io Rockfeller! Allora dobbiamo essere proprio fortunati noi italiani, se fra qualche settimana avremo anche "La corrida" con Jerry Scotti!

     
  • At 1/10/2006 11:50 AM, Anonymous fradeo said…

    ...e quando penso che tra qualche giorno, per guardare 'sti programmi, dovrò andare in posta a fare la coda per pagare il canone RAI mi vien da piangere!

     
  • At 1/10/2006 3:09 PM, Blogger topozozo said…

    Uhm, pensando a La corrida mi viene un dubbio. Forse il segreto di chi fa pessima TV sta nell'ostinarsi a mandare in onda certi programmi anno dopo anno incuranti del buon gusto e delle critiche. Dopo un po' il programma diventa inevitabilmente un "classico" o addirittura un'"istituzione" di cui non si può fare a meno. E allora giù ad allocare budget, togliendolo magari ad altre iniziative più meritevoli.
    Sarà questo il trucco?
    Proprio pochi giorni fa leggevo una difesa d'ufficio dei film in stile Vacanze di Natale. L'argomentazione era del tipo "film del genere si son sempre fatti".
    Allora bisogna imparare a stroncarli fin da subito! :)

    P.S. "...prennndi Clerici..." ;)))

     
  • At 1/11/2006 10:45 PM, Anonymous Graziella said…

    Tra i programmi che "bisogna" fare ci metterei fra i primi quelli dei "Bagaglino" di cui ho parlato tempo fa (Topozozo eri in ferie!). Non si capisce come faccia 'sto Pingitore ad avere ogni anno il posto prenotato! E la cosa triste è che davvero facciamo la coda per dare i soldi a questa gente!

     

Posta un commento

<< Home

More about Delizie divine