lunedì, marzo 13, 2006

Bocconcini di piacere


Eccoli sono arrivati! Se ne parlava alcuni giorni fà sul blog degli Scribacchini! Questi piccoli boccioli qui da noi li chiamano "Castraure". Questi piccoli carciofi vaengono colti appena spuntati, il che li rende tenerissimi. La loro caratteristica è quella di essere leggermente amarognoli, ma non troppo ed essendo così teneri possono essere consumati anche crudi.
La qualità più pregiata è quella coltivata a Sant'Erasmo, in piena laguna veneta, ma in genere tutti quelli provenienti anche delle zone limitrofe, sono di ottima qualità!
Il loro prezzo non è sempre accessibilissimo, ma ogni tanto bisogna fare uno strappo al portafogli e concedersi anche questi momenti di piacere!
Dicevo che se freschissimi sono ottimi crudi in insalata, oppure "in tecìa" con aglio, olio e prezzemolo, ma la fine che adoro fargli fare io è il fritto!
In genere non serve tuffarli nella pastella, basta solo un pò di farina che ne preserva tutto il loro sapore. Ieri ho voluto dargli un pò di colore e ho usato un uovo, un pò di birra e farina prima di tuffarli nell'olio bollente. Non risultano alla fine assolutamente unti! Questo è il risultato:


21 Commenti:

  • At 3/13/2006 12:47 PM, Blogger Tulip said…

    ma che belli..
    sembrano proprio dei fiorellini!!!

     
  • At 3/13/2006 12:50 PM, Anonymous Graziella said…

    Sei la commentatrice più veloce della storia!
    Un mazzolino di questi "fiorellini" sarebbe un bellissimo pensiero!

     
  • At 3/13/2006 2:26 PM, Blogger gli scribacchini said…

    Miaaaaaaam ! Che deliziosi boccioli. felice di sapere che faccia hanno. 'assie. Kat

     
  • At 3/13/2006 2:34 PM, Anonymous Francesca said…

    e che risultato Graziella!!! per questa volta faccio un'eccezione visto che sono anch'io del club no fritto e me li pappo GNAMGANM:))

     
  • At 3/13/2006 5:11 PM, Anonymous Jazzer said…

    Ragazzi che buoni!!!
    Niente a che vedere che l'altro carciofume che si vede in giro.

     
  • At 3/13/2006 5:47 PM, Anonymous Terry said…

    Sempre per il nostro partito (visto che simao in periodo elettorale;-p) "Fritto SI grazie!!!"

    Brava Graziella....giusto l'altro giorno le guardavo al mercà....ste famose "castraure"....e pensavo "ma come e se magnà?!"....ed eccoti a rispondermi!;-)

     
  • At 3/13/2006 6:36 PM, Blogger ape said…

    un altro consiglio per cucinarli: cotti nell'acqua (bolliti) e conditi con olio, aglio fresco,aceto, maggiorana e pepe....sono una prelibatezza.
    Niente da togliere al fritto:chapeau!
    Buon lunedì

     
  • At 3/13/2006 8:01 PM, Blogger cannella said…

    Mama che boni, ciò!!! (Sono tornata, si nota??? Io ultimamente li infarino e li friggo nel wok).Baciotti!!!

     
  • At 3/14/2006 9:02 AM, Blogger Gaia said…

    dai che stasera mi unisco anche io al club dei carcio-fili...

     
  • At 3/14/2006 10:18 AM, Anonymous Graziella said…

    Non ci posso credere! Cannella che frigge??? Nel wok, ma sempre fritto è!

    Credo che sarebbe un crimine non approfittare di qurste delizie di stagione! Quindi carciofi a go-go! Sarebbe ora di ripetere la ricetta della pasta che avevo pubblicato tempo fa!
    http://ditvetv.blogspot.com/2005/11/
    per-pranzo-un-esperimento.html

     
  • At 3/14/2006 3:24 PM, Blogger Tulip said…

    ... mhhhmhmhm adesso vado subito a vedermi la ricettina della pasta di cui parli....
    i carciofi mi piacciono proprio tanto...
    ma lo sai un segreto?
    li ho cucinati una volta sola!!!
    (VERGOGNA!!)

     
  • At 3/14/2006 8:09 PM, Blogger gli scribacchini said…

    Quand'è che dovevamo vederci? Su, fai la brava samaritana e salva il povero baccano dall'ignoranza.
    Remy

     
  • At 3/14/2006 10:54 PM, Blogger gli scribacchini said…

    Castraure fritte!!! Libidine!!!
    Sabato vado al mercato e domenica si frigge!
    Grazie :-)))
    Patt

     
  • At 3/15/2006 3:26 PM, Anonymous Francesca said…

    ciao Graziella come stai?
    un bacione Fra

     
  • At 3/15/2006 6:18 PM, Blogger Juliette Godart said…

    Le castraure??!! ma allora sei di Venezia?

     
  • At 3/15/2006 9:09 PM, Anonymous Graziella said…

    Certo che sono di Venezia ( a dir la verità abito in periferia)!
    Benvenuta Juliette!

     
  • At 3/16/2006 9:08 AM, Blogger Gaia said…

    anche una delle mie nonne è di Venezia, ma non ho imparato nulla di cucina veneta...sigh, che vergogna! però come cucina lei il pesce...più che altro la pazienza certosiana che ha nel pulirlo tutto!
    Graziella, come stai? i tuoi uomini?

     
  • At 3/16/2006 3:06 PM, Blogger RoVino said…

    E per gli sfortunati come me che i castraure non li trovano sicuramente dalle mie parti???
    Aaarrrggghhhhh!!!!
    Che invidia!
    Rob

     
  • At 3/16/2006 4:21 PM, Blogger Lucia said…

    uff io non li ho mai visti non sapevo neppure della loro esistenza !!
    lucia

     
  • At 3/16/2006 6:44 PM, Anonymous Graziella said…

    Mi spiace per voi, ragazzi, queste sono davvere delle delizie!
    Gaia è davvero un'arte quella di pulire e cucinare il pesce! Se trovo un bel libro di cucina veneta te lo mando! E' inconcepibile che con una nonna così tu non abbia mai sperimentato qualcosa di veneto!!! Stiamo tutti bene, ma un pò di corsa!! Grazie

     
  • At 4/20/2006 7:05 PM, Blogger gli scribacchini said…

    Oh, c'è voluto più di un mese, ma finalmente stasera le ho trovate!
    Ho dovuto accendere un mutuo, ma avevo una voglia ...
    Ciao vecia!
    :-)))))))))
    Patt

     

Posta un commento

<< Home

More about Delizie divine